L’import di falsi vale 460 mld

Da Repubblica 22 Giugno 2017
L’import di falsi vale 460 mld: Albania, Egitto, Marocco e Ucraina le porte per l’Europa

La relazione dell’Ufficio dell’Ue per la proprietà intellettuale dice che Hong Kong, Emirati arabi uniti e Singapore sono i principali centri di smistamento a livello mondiale
MILANO – Hong Kong, Emirati arabi uniti e Singapore: sono questi i principali centri di smistamento utilizzati dai trafficanti di prodotti contraffatti: entrano in container e vengono poi spediti per posta o corriere, secondo la nuova relazione dell’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale elaborata dall’EUIPO e dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici (Ocse).
Dalla relazione emerge che diversi paesi del Medio Oriente, fra cui gli Emirati arabi uniti, l’Arabia Saudita e lo Yemen, costituiscono i principali punti di transito per le spedizioni di prodotti falsi diretti in Africa. Albania, Egitto, Marocco e Ucraina sono i quattro punti di transito usati per inviare falsi destinati all’Ue, mentre Panama è un importante punto di transito per i falsi in rotta verso gli Stati Uniti. Secondo la relazione, circa tre quarti dei prodotti contraffatti sono trasportati via mare, mentre la spedizione mediante corriere o per posta ordinaria emerge come modalità consueta per la distribuzione di articoli contraffatti di più piccole dimensioni.

I commenti sono chiusi